Andiamo a procreare: epic fail ministeriale

Sono donna, ho 33 anni, mi sono appena sposata: candidata perfetta per la maternità, ed ecco n-mila adv su facebook e youtube. E’ pubblicità, lo comprendo, a me *adesso* non interessa e dunque clicco e vado avanti. In fondo è quello che succede anche nella vita offline, in una ipotetica tag cloud delle domande più chieste… Continua a leggere Andiamo a procreare: epic fail ministeriale

#trivellatuasorella e poi licenzia il socialmediamanagercattivo

È l’una e probabilmente farei meglio ad andare a dormire, ma non prima di una brevissima riflessione. Oggi pomeriggio su Facebook mi ero imbattuta in questa campagna che mi limiterò a definire discutibile: “trivella tua sorella” è il messaggio illuminante alla cui lettura, milioni di italiani decideranno di andare a votare il 17 aprile. La grafica è apparsa… Continua a leggere #trivellatuasorella e poi licenzia il socialmediamanagercattivo

petaloso è il fiore più di ogni cosa

La maestra Margherita racconta sul suo profilo Facebook di aver ricevuto una lettera speciale. Un alunno della terza elementare, Matteo, ha scritto che “le margherite sono fiori petalosi, mentre i papaveri non sono molto petalosi” e  la maestra ha sottoposto il lemma all’Accademia della Crusca. La risposta non tarda ad arrivare: l’Accademia della Crusca risponde al piccolo… Continua a leggere petaloso è il fiore più di ogni cosa

TFA: 8 domande (ed 1 opinione personale non richiesta)

Lo scorso anno ho frequentato il percorso per l’abilitazione all’insegnamento, TFA, acronimo che sta per tirocinio formativo attivo. Questo articolo (aggiornato al 22/01) nasce per rispondere alla richiesta di informazione in merito a questo percorso, metterò qui in un unico posto le risposte alle domande che mi sono stata fatte. Disclaimer: non possiedo la verità assoluta… Continua a leggere TFA: 8 domande (ed 1 opinione personale non richiesta)

#iostoconvale ma più tardi

Premetto che le considerazioni riportate in questo breve post non hanno alcuna pretesa sportiva, non si porta in analisi un ennesimo esame sul torto o la ragione, sul bene o sul male, sui complotti o sulla (s)fortuna. E’ da diverso tempo che sui media quotidianamente ci vengono riportati risvolti sulla vicenda tra Valentino Rossi e Marquez… Continua a leggere #iostoconvale ma più tardi

Facebook Note vs Blogging. Ed è subito guerra?

Wow! Ma è uguale a Medium, anzi no, manca qualcosina. Ecco cosa ho pensato nell’istante in cui ho cliccato per la prima volta le nuove note di Facebook. E subito dopo mi sono persa nelle mie riflessioni. Pensavo, anche facebook note è soggetto alla legge di Roger, secondo la quale il processo di adozione di… Continua a leggere Facebook Note vs Blogging. Ed è subito guerra?

L’odio condiviso

Il 13 luglio quarantamila condivisioni in meno di 24 ore hanno contribuito a diffondere una notizia pubblicata dal sito senzacensura.eu dal raccapricciante titolo “Immigrato violenta bambina di 7 anni | Il padre gli taglia le palle e gliele fa ingoiare”.  Navigando nel newsfeed di Facebook mi è capitato di vedere qualcuno dei miei contatti commentare quella notizia e… Continua a leggere L’odio condiviso

L’amore infedele: l’affair Ashley Madison

Tradimenti, ricatti, cybercrime, furto di informazioni riservate, suicidi. Ed in fondo è “solo” un sito internet. Quando ad essere tradito è il traditore. Ashley Madison è un sito dedicato alle scappatelle extraconiugali, nato per far incontrare persone che decidono di avere un’avventura senza complicazioni (in teoria). Purtroppo per loro però, gli aspetti legati alla sicurezza sul… Continua a leggere L’amore infedele: l’affair Ashley Madison

#NonCondivideteSalvini

Sconosciuto ai più fino a poco tempo fa, Matteo Salvini riesce a riportare in auge una Lega quasi spacciata, all’ombra di furfanterie varie. Matteo capisce (o chi per lui) cosa vuole sentirsi dire la gente ora. Prima di lui (e mi perdonerete per il paragone) lo staff di Obama intuisce le potenzialità (infinite) dei social… Continua a leggere #NonCondivideteSalvini

Cecil, una storia di codardìa globale

L’indignazione nei tempi dell’iperconnessione. Caccia al cacciatore! La storia di Cecil è tristemente nota: il maestoso leone è ucciso da un cacciatore americano senza scrupoli, che con la “modica” cifra di 50 mila dollari crede di aver acquisito il diritto di sparare ed uccidere, infischiandosene di tutte le leggi. Questa storia sarebbe rimasta nell’ombra, uguale… Continua a leggere Cecil, una storia di codardìa globale